SEI IN > VIVERE BRESCIA > ECONOMIA
comunicato stampa

Imprese, Lombardia locomotiva d’Italia. E il Bresciano dà una grande spinta

4' di lettura
18

E’ al momento uno spiraglio, che però fa ben sperare, la fotografia offerta dal recente report di Infocamere – la società per l’innovazione digitale delle Camere di Commercio – che osserva l’andamento della presenza delle società straniere nel capitale delle aziende manifatturiere italiane (campione Italia 214.000 aziende), dove nella classifica per numero di aziende partecipate la Lombardia si conferma la prima per attrattività tra le Regioni italiane con oltre 2000 aziende partecipate da soci esteri, seguita dal Veneto (668 aziende), al terzo posto l’Emilia Romagna (559 aziende) e al quarto posto il Piemonte con 533 aziende.

Poi molto distaccate Toscana e Lazio.

Se si guarda nello specifico alla Lombardia si osserva una forte crescita di investimenti stranieri nelle aziende del territorio, e soprattutto nelle PMI: nel 2022 sono oltre 2000 le aziende industriali con presenza straniera – in crescita del +22% rispetto alle 1629 rilevate nel 2017 – e di queste 1548 sono quelle nelle quali un singolo azionista estero ha la maggioranza assoluta (dato in crescita rispetto alle 1219 (contate nel 2017).

“In realtà sono numeri contenuti rispetto al vero potenziale di attrattività del tessuto di imprese lombarde – commenta il mid-cap investor Giovanna Voltolina – un territorio che, certificano gli ultimi dati di Confindustria, vanta oltre 40.000 Pmi (rilevazione 2021) in crescita del 3,3% rispetto all’anno precedente. Una vera risorsa ad elevatissimo potenziale non solo per il sistema produttivo lombardo ma come volano per tutta l’economia nazionale”.

QUEL “TURBO-BRESCIANO” DEDITO AL LAVORO

In questo contesto di eccellenza il Bresciano, secondo gli esperti, è uno dei territori che da più spinta alla locomotiva lombarda “un’area che – conferma il mid-cap investor – è da sempre sotto la lente degli investitori per molteplici motivi che vanno dalla spiccata dedizione dei bresciani a rimboccarsi le maniche per rendere sempre più competitive e innovative le proprie aziende, ma anche per fattori esterni come il trovarsi in un crocevia “laborioso” tra Milano e Verona, senza dimenticare il lato culturale e turistico enfatizzato anche dalla vicinanza al lago d’Iseo e di Garda; e – continua Voltolina – a anche livello infrastrutturale (tra strade, autostrade e ferrovia) il bresciano ha una marcia in più”.

Lo spiraglio, agli occhi dell’investor è quella piccola (in rapporto al complessivo) evoluzione per la quale aziende e venture capital stranieri stanno iniziando ad investire nelle nostre Pmi. E non solo rilevandone la maggioranza, ma anche in cosiddetta modalità “expansion” ovvero con investimenti di minoranza in aumento di capitale finalizzati alla crescita dell’azienda.

In effetti secondo il recente report (primo semestre 2023) pubblicato da AIFI – Associazione Italiana del private Equity, Venture Capital e Private Debt e PwC Italia l’ammontare investito complessivo e a livello nazionale (estero e Italia) è calcolato a 3.189 milioni di euro, peraltro in forte in calo (-71%) rispetto al primo semestre del 2022, (eccezionalmente caratterizzato però da operazioni importanti a valore). Di questi il buyout (acquisizioni di maggioranza o totalitarie) cuba 2.215 milioni, disegnando una decrescita del -39% rispetto al periodo nell’anno precedente; il venture capital (investimenti in imprese nella prima fase di ciclo di vita, startup, ecc.) assomma 410 milioni (in calo del -7%).

PUNTARE SU INVESTIMENTI IN EXPANSION

“Invece l’expansion – legge Giovanna Voltolina – ha generato 210 milioni, quindi poco, pochissimo – commenta la mid-cap investor – ma in aumento del +13%. Uno spiraglio che per piccolo che sia indica invece con grande forza la strada su cui davvero bisogna investire, unitamente ad una cultura del lungo periodo, quella cioè in cui il passaggio generazionale non sia più, così come invece oggi è, il tramonto della PMI”.

“Infatti, nella realtà il problema a questo sviluppo è una combinazione di fattori – riflette l’esperta – che da una parte allontanano l’imprenditore a scegliere di aprire il capitale ad un investitore, sia italiano che estero e dall’altra rendono difficile per l’investitore portare avanti un investimento di minoranza nell’azienda; dalle strutture di governance che si devono poggiare su un ordinamento giuridico e norme troppo complesse e obsolete e un sistema giudiziario che rimane uno dei più lenti in Europa. Vi è poi – conclude Giovanna Voltolina – il tema generazionale che vede i ‘vecchi’ capitani d’impresa non essere riusciti a costruirsi una solida successione e quindi un futuro per l’azienda; nonché quello della burocrazia e delle politiche economiche, nazionali e regionali, stravolte e ad ogni cambio di Governo”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2023 alle 15:17 sul giornale del 24 novembre 2023 - 18 letture






qrcode