SEI IN > VIVERE BRESCIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Nuovo piano cave della provincia di Brescia approvato in consiglio regionale

5' di lettura
22

“In cinque mesi siamo riusciti a portare a termine un lavoro complesso, grazie alla collaborazione dei funzionari della Commissione, dell’Assessorato, dei consiglieri regionali, unitamente agli Enti locali, alle Associazioni di categoria ed a tutti i portatori di interessi del territorio, concludendo la definizione del nuovo piano cave della Provincia di Brescia, che era fermo da ben 7 anni”. Lo dichiara il consigliere regionale di Fratelli d’Italia e relatore del Provvedimento, Giorgio Bontempi, nel corso della seduta odierna del Consiglio regionale, nella quale è stato approvato il nuovo Piano cave della Provincia di Brescia - Settori merceologici della sabbia – ghiaia e argilla.

“Un traguardo reso possibile grazie alle tantissime interlocuzioni ed audizioni che abbiamo svolto, ben quarantotto, ad iniziare dalla Provincia e dai Comuni, con emendamenti che hanno riguardato aspetti tecnici, peraltro condivisi con tutti i soggetti interessati. Il nuovo piano cave non prevede nuovi poli estrattivi ed i siti sono stati ridotti da 53 sono divenuti 35, passando da 73 milioni di metri cubi di materiale estraibile a 43 milioni di metri cubi, con il ripristino della piena produttività delle cave e l’avvio progetti di rinaturazione e riqualificazione ambientale”, ha proseguito il consigliere Bontempi, primo firmatario della PDA.

“I complimenti al Presidente Cantone ed al relatore Bontempi per il grande lavoro svolto con chiarezza, trasparenza, che puntualmente ha analizzato tutte le esigenze del territorio e fornisce risposte concrete ad operatori del settore e di ordine programmatorio” – ha così evidenziato il capo gruppo di Fratelli d’Italia, Christian Garavaglia.

Tutto ciò ha diverse ricadute dirette ed indirette: innanzitutto dare al territorio di Brescia un nuovo Piano cave significa anche porre dei freni al mercato dei materiali, che è schizzato ad un vertiginoso rialzo, impattando negativamente sugli appalti, sui lavori da eseguire e sugli stessi progetti del PNRR, che risentono del caro prezzi, con difficoltà di reperibilità delle materie prime. La ripresa della capacità estrattiva, dopo un fermo di così tanti anni, consente quindi di disporre di nuovo materiale all’interno del territorio.

Inoltre, massima attenzione si è dato all’aspetto naturalistico e di rinaturazione all’interno del Piano stesso. Infatti, Il piano ha introdotto una serie di obblighi in materia di recupero e di mitigazione ambientale anche a tutela della Rete Ecologica, in taluni casi anche nell’ottica della valorizzazione di aree verdi caratterizzanti il contesto.

Ha concluso Bontempi: “Abbiamo lavorato con la massima trasparenza e pubblicità possibile, con trasversalità di analisi e condivisione di richieste giunte dal mondo associazionistico, imprenditoriale ed ambientalista, nell’interesse dei territori e dell’economia lombarda”.

Approfondimento

Molte le novità presenti nel Piano ed illustrate dal consigliere regionale Bontempi: innanzitutto il piano stima il fabbisogno di inerti secondo modalità coerenti con i criteri regionali ed è in grado di garantire le richieste di mercato dei prossimi anni, anche in caso di congiunture espansive. Il dato finale dei volumi di sabbia e ghiaia da reperire è stimato in circa 43 milioni di metri cubi e non si discosta in termini significativi dai dati relativi agli inerti autorizzati e cavati negli anni di attuazione del precedente piano cave, pur contrassegnati da un lungo periodo di crisi.

Nella distribuzione di tale fabbisogno si è tenuto conto di vari elementi. Si è confermata la distribuzione territoriale precedente, che garantiva, attraverso l’individuazione degli ATE, un minimo di reperibilità di materiale anche in zone ove i giacimenti di qualità sono rari. Si è elaborata una modalità, il cosiddetto algoritmo matematico, che ha consentito di assegnare i volumi alle varie aree estrattive tenendo conto, oltre agli aspetti di carattere territoriale ed ambientale, delle attività imprenditoriali di cava svolte in attuazione del piano precedente, in un quadro teso a perseguire una distribuzione equilibrata e non parziale del fabbisogno, con attenzione anche ai piccoli-medi operatori.

In sintesi, il piano non prevede nuovi Ambiti Territoriali Estrattivi (ATE), anzi riduce di 15 il numero di quelli del precedente piano del 2005 (si passa da 53 a 38 ATE) e chiarisce cosa si deve intendere per "Riserve residue stimate": il significato di tale categoria è ricondotto a quello, meramente tecnico, di differenza fra volumi stimati come disponibili entro un giacimento e volumi di produzione prevista nel decennio. È stato quindi specificato che l'indicazione di tali “riserve” nella scheda degli ATE non pregiudica o precostituisce alcun orientamento o particolare aspettativa o affidamento rispetto alla futura pianificazione settoriale, che dovrà ovviamente tener conto delle esigenze territoriali ed ambientali del caso.

Degno di nota il fatto che il piano valorizza tali riserve, me nel senso di affermarne la potenziale utilizzabilità in caso di necessità, ossia laddove debbano attivarsi le "cave di riserva per opere pubbliche": la normativa di piano prevede che per limitare il più possibile il ricorso alle c.d. "Cave di prestito", nel caso di futura attivazione di opere pubbliche non previste al momento della stesura del Piano cave, gli inerti andranno reperiti prioritariamente entro gli ATE ove si riscontrino riserve residue, ovvero volumi di fatto maggiori di quelli assegnati dal piano per il soddisfacimento del fabbisogno ordinario.

Quanto alla destinazione finale degli ATE il Piano ha valorizzato l'uso naturalistico (talvolta accostandolo a quello a verde pubblico attrezzato o agricolo), prevedendo l’uso insediativo ove vi fosse un orientamento comunale favorevole.

Si è soppressa l'indicazione del possibile riempimento delle cave esaurite con materiali in quanto poteva essere intesa come preordinata a consentire in ogni caso il riempimento delle cave con rifiuti.

Per quanto attiene poi le Norme Tecniche di Attuazione, sono state apportate alcune novità di rilievo, come ad esempio:

a) La tutela del Giacimento: i Comuni non possono rilasciare, anche a piano scaduto, autorizzazioni che prevedano la localizzazione di impianti sottoquotati con escavazione di materiale inerte;

b) La possibilità di recupero delle cave mediante formazione di bacini irrigui/laminazione;

c) La previsione di coltivazione della cava per lotti successivi, previo recupero del lotto precedente

d) Monitoraggio e controllo dell'attività e dei recuperi ambientali ad opera dei Comuni integrando quest'ultima attività in quella di monitoraggio della VAS del Piano.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2024 alle 20:03 sul giornale del 24 gennaio 2024 - 22 letture






qrcode